Società 4.0

La nostra società è ad un punto di svolta perché basata su paradigmi superati dai tempi e che la stanno iniziando a far regredire.

Otto Scharmer, artefice di questo memorabile Forum Mondiale e creatore della Theory U, afferma nel corso della sua esposizione con uno dei suoi potenti framework che <<l’elemento chiave per trovare le soluzioni ai problemi complessi di oggi e poter far evolvere la nostra società verso una nuova fase, che lui definisce Society 4.0, è cambiare il modo che abbiamo di comunicare. Ovvero, è passare da una comunicazione in prevalenza ad una via, che oggi subiamo dalla propaganda delle imprese, dalla tracotanza dei governanti e dallo spamming di miliardi di venditori di se stessi, ad una sempre a due vie, sempre reciproca, e nella quale la Co-Creazione è il punto di arrivo, e la creatività di tutti emerge operando “at the edge of caos”, dentro sofisticate strutture abilitanti, come il Forum stesso.

Il fattore limitante del nostro cambiamento trasformazionale non è la mancanza di visione o idee, ma una inabilità a percepire, cioè a vedere nel profondo, con chiarezza e collettivamente” Otto Scharmer

Presencing Global Forum 2012 from Presencing Institute on Vimeo.

A video of the Presencing Global Forum in Berlin 2012, speaking to what is wanting to be born across various systems in which we operate, applying the social technologies of Presencing and Theory U. More info on the Global Forum at www.presencing.com. Video produced by complexion crossmedia, www.complexion.de

Per approfondire https://www.presencing.com/programs/global-forum-2012

Sotto l’articolo scritto sull’argomento da Luigi Spiga, Presidente di SOL Italy

E’ da otto_bre 2011 che Otto ci sta dando delle interessanti anteprime sul suo modello integrale di società del futuro, un modello a matrice nel quale con grande rigore epistemologico ripercorre le diverse ere della civiltà umana, dalla Società 0.0, precedente alla rivoluzione dell’agricoltura dell’8.000 a.c. alla Società 3.0 del ventesimo secolo, andata in profonda crisi con l’inizio del nuovo millennio, come evidente negli ultimi anni nel mondo e negli ultimi mesi in Italia.

I sintomi di questa crisi, di questo regresso del modello di società in cui siamo tutti nati e vissuti, sono secondo Otto quattro bolle patologiche :

• La bolla ecologica : ogni anno consumiamo 1,5 volte la produzione della Terra
• La bolla del reddito : 2,5 miliardi di persone sulla Terra vivono ancora sotto la soglia della povertà
• La bolla della depressione : nel mondo i suicidi sono 3,0 volte gli omicidi
• La bolla finanziaria : nel mondo il capitale in cerca di investimenti profittabili è 3,5 volte il prodotto lordo

Come risolvere questi problemi? Come far evolvere la società? Secondo Otto sono otto le strategie chiave, i punti leva sui quali agire, e per ognuno di questi lui si è posto una domanda ed ha provato a dare alcune risposte.

1. Come riconnettere l’economia con la natura : “Closed Loop Design”, “CSA”, ovvero dei sistemi produttivi circolari, dove la gran parte di ogni prodotto industriale può essere riutilizzata o riciclata facilmente.

2. Come riconnettere l’economia con i bisogni e la creatività dell’uomo: “BIG – Basic Income Grant”, e “BALLE – Business Alliance Local Living Economies”, ovvero il network nord americano di imprese sostenibili oggi in maggiore crescita, che come SoL Italy abbiamo proposto alle altre SoL europee di portare anche in Europa.

3. Come riconnettere l’economia finanziaria con quella reale: “Social Responsible Investing”, ovvero un nuovo modo di fare investimenti da parte di banche evolutive che già emergono in Germania, come la Triodos Bank e la GLS.

4. Come riconnettere tecnologia o ricerca e sviluppo con i propositi e bisogni umani: “3rd Industrial Revolution”, ovvero la terza rivoluzione industriale con la quale ci arriverà ad una progressiva diffusione dei mezzi di produzione dell’energia come già avvenuto per i mezzi di produzione dell’informazione.

5. Come riconnettere la leadership e l’apprendimento col futuro che vuole emergere: “u.school Hubs”, ovvero dei centri di diffusione dell’approccio all’apprendimento della Theory U con le nove modalità di apprendimento della matrice Scharmer dopo Kapler.

6. Come riconnettere i consumatori come fonte di creazione del valore: dal Consumerismo al “CCC – Collaborative, Conscious Consuption”, ovvero il nuovo consumo consapevole e collaborativo.

7. Come riconnettere le parti e il tutto: “ABC – Awareness Based Collective Action”, ovvero una governance che basa l’azione collettiva sulla consapevolezza.

8. Come riconnettere la proprietà con l’uso ottimale da parte della società : “Commos Based Property Rights”, ovvero diritti di proprietà basati sulle “Commons”, le risorse comuni.

Queste le ipotesi, supportate da casi importanti, proposteci da Otto Scharmer. Ma la domanda rimane aperta ed è per tutti noi, chiamati a co-creare la società del futuro.

Pertanto a noi quali altre risposte ci vengono in mente per ogni punto?

Quali forze riteniamo opportuno coinvolgere e mobilitare per iniziare ad affrontare problemi così importanti per il nostro futuro?

Quali progetti ci vengono in mente già avviati da qualche parte per rispondere ad una di queste esigenze?

E quali progetti si potrebbero avviare?

E poiché, ”, come ci suggerisce il paleontologo Pierre Teihard de Chardin

“Niente nell’universo può resistere all’ardore convergente di un numero sufficientemente grande di intelligenze raggruppate e organizzate”,

di questo e di altro intendiamo dialogare in 101 persone, venute da ogni parte d’Italia, il 9 luglio nella prima giornata del SoL Italy National Forum.

 

Luigi Spiga

Presidente SoL Italy

 

Lascia un Commento